Pensierini sull’Isola

“Fra la piazza con i grattacieli e la piazzetta con i gratta-biciclette io e i miei amici preferiamo la seconda.”

“Nel mio quartiere c’è un cantante che fa tante canzoni ma ha sempre gli stessi stivali.”

“Nel mio quartiere morto un papa non ne hanno fatto un altro.”

“Nel mio quartiere le ragazze hanno più cani che mariti.”

“Nel mio quartiere continuano ad aprire bar. Sembra il paese dei Balocchi ma io non voglio fare Pinocchio.

“Nel mio quartiere c’erano tante donne muscolose e simpatiche con ogni uomo, invece adesso ci sono fotografi con la barba lunga che ci provano con tutte le donne. Ma soltanto le prime avevano successo.”

“Quando la mamma mi manda alla farmacia all’angolo, a me sembra peggio che andare a scuola. I farmacisti sono così seri che ho paura di essere interrogato.”

“Il sindaco di Milano crede che noi all’Isola passiamo il tempo a mangiare, perché continua ad aprire ristoranti. Io e i miei compagni di classe gli abbiamo scritto una lettera per chiedergli se si può fermare.”

“Se facessero il Bosco Verticale in ogni quartiere, Milano sarebbe davvero piena di verde. Però io vado ancora al Parco Sempione in bicicletta, perché non posso girare in bici per un Bosco Verticale.”

“Pepe Verde è bello perché lì le piante almeno sono orizzontali e c’è una signora inglese sempre sorridente che le coltiva sempre. Non ho capito se va anche a curare il Bosco Verticale.”

“Ultimamente ci sono due ragazze che fanno delle cartoline sull’Isola e allora tutti ci sentiamo importanti. Infatti, anche io adesso mi metto degli strani cappelli, magari divento un personaggio.”


Gabriele Cipolla frequenta la terza elementare presso la Scuola Confalonieri.

 

Shares